1.069 Posts

Megaride Basket Napoli-Basket Bellizzi 50-88

Parziali

12-23, 14-18, 7-29, 17-18

Megaride Basket Napoli

Bauduin 20, Menditto 15, Tolino 8, Agostini 3, Cortese 2, Iorio 2

Coach Zollo, Ass. Abete

La Megaride va in campo con soli sei giocatori, età media 17 anni, per l’imprevista assenza dei ragazzi in doppio tesseramento con il Cuore NAPOLI a sua volta in emergenza infortuni. Impossibile spostare la partita per la obbligatoria concomitanza delle ultime due giornate di campionato. Si sono aggiunte le assenze di altri 4 giocatori dell’under 16, infortunati.

Ma i ragazzi si sono sbattuti alla grande resistendo per tre frazioni, è fatale il rientro dagli spogliatoi con la forte squadra di Bellizzi scatenata che con un quarto da 29-7 chiude definitivamente la partita.

Non demeritano i Blue Pelicans tutto a segno. Domenica prossima si spera di recuperare qualche ragazzo del Cuore e qualche infortunato.

Nell’ultimo mese ho avuto spesso occasione di scambiare opinioni con alcuni dei miei maestri. Mi rendo conto che con il passare del tempo sono più vicino a loro che ai giovani d’oggi e ne sono fiero!

Ripenso a ciò che mi hanno trasmesso, in tempi completamente diversi, ma poco cambia, il saper essere fa la differenza.

Nessuno sconto per i più giovani, tutti devono fare gavetta, meritarsi le occasioni in campo. Di base i giovani sono tali, devono mostrare di saperci stare. Penso a Maurizio Ragazzi, Max Sbaragli, Paolo Pepe, Mimmo Morena, Giovanni Dalla Libera, ma anche ai tanti che non hanno raggiunto quei livelli, pur giocando per tanti anni ad ottimi livelli, Peppe Liguori, Antonino Di Gennaro, Alfio Romito, ad altri che comunque si sono realizzati alla grande nella vita, pur avendo sofferto per le opportunità negate, Pietro D’Orazio, Gianni Verde. Potrei nominare tanti che si sono allenati stagioni intere senza mai entrare, sempre con lo stesso entusiasmo, per poi essere oggi ottimi professionisti nel mondo del lavoro.

A nessuno di loro è stato regalato niente, o peggio sventolate illusioni con fantomatiche apparizioni, il Tau mi rimproverava sempre quando spingevo per fare entrare i ragazzi.

Erano tempi in cui c’era più spazio per gli italiani, con solo due stranieri, ma tanta più coscienza dei limiti e dell’importanza di crescere gradualmente senza coltivare false illusioni.

La più grande differenza? I dirigenti e gli allenatori, ad ogni livello, uomini straordinari che operavano per far crescere i giovani, giocatori ed allenatori. La presenza silenziosa, all’interno del proprio ruolo, delle famiglie, l’importante era che i loro figli crescessero in modo sano, molti di loro li ho a malapena conosciuti.

Ma oggi, per qualcuno, chiedere responsabilità e rispetto degli impegni, pur rinunciando a qualche occasione fugace, vuole dire “essere vecchio”.

I sogni sono importanti ma poi conta ciò ognuno fa quotidianamente per superare i propri limiti e migliorare in campo e fuori, come persona.

Juve Caserta-Vivi Basket Napoli 71-39

Parziali

18-11, 13-13, 16-8, 24-7

Vivi Basket Napoli

Perretti 1, Sveldezza, Agostini 6, Sargiotta, Naviglio, Marcelletti, Paterniti 2, Capezza 14, Cortese 6, Tolino 6, De Felice 4

Coach Di Lorenzo, Ass Abete, Ponticiello

Juve Caserta

Aldi 26, Bantsevich 13, Iavazzi 10, Tyrtyshnik 7, Campanile 5, Portoghese 3, Beneduce 2, Mastropietro 2, D’Addio 2, Eliseo 1, Iovinella, Tassinari

Coach Di Meglio, Ass. Petroccione, Callipo

Vivi Basket chiude al secondo posto il campionato under 16eccellenza con una sconfitta che lascia amarezza. La partita è stata anticipata per per permettere ai due stranieri di Caserta di giocare le finali EYBL, ma i Blue si presentano senza Mansi e con quattro giocatori in condizioni precarie. Caserta, non fa sconti, quando i Blue Pelicans, dopo un buon primo tempo, cominciano ad accusare la fatica, coach Di Meglio spinge sull’acceleratore per travolgere i Blue nell’ultimo quarto.

La partita contava zero, ma deve servire come punto di partenza per prepararsi all’interzona, sempre il 100% di concentrazione e impegno fisico!

In panchina stasera anche capitan Mansi.

Pallacanestro Angri-Megaride Basket Napoli 90-56

Parziali

18-16, 28-13, 28-13, 16-14

Megaride Basket Napoli

Agostini, Bauduin 6, Crescenzi 4, Iorio, Menditto 12, Bordi 25, Capezza 7, Tolino 2, Cortese

Coach Zollo, Ass. Abete

Aldilà del risultato i ragazzi di Zollo giocano alla pari che n Angri, una delle corazzate del campionato, pur giocando con una squadra con un’età media di 17,5, e priva dei tre play impegnati ad Agrigento con il Cuore Napoli. Per 16′, conducendo 22-23 al 13′, i Blue tengono, pur sbagliando tanto ai tiri liberi, poi i padroni di casa inseriscono le marce alte e chiudono sul 46-29 al 20′.

Al rientro dagli spogliatoi continua la fuga dei ragazzi di Massimo Massaro, al 30′ si chiude sul 74-42.

Nell’ultima frazione c’è equilibrio ed i quattro under 16 ben figurano. Ci sarà da soffrire nelle prossime due gare per la contemporaneità con la A2, ma i ragazzi arriveranno pronti per giocarsi tutto nei play out.

Juve Caserta 42 ViviBasket 54

1parziali: 4/19  10/9  6/14  12/12

Vivi Basket

Mancuso 22  Beatoino M 11 Maione A 8  Beatoino R 10

Caiazzo 3      Maione M     Zito      Pirelli Portanova    Lanzetta     Esposito Coach Bellastella

Si chiude con una bella vittoria delle ragazze dell’angelo biondo che quest’anno ha trasformato la squadra. Si chiude con un record di 8 vinte e 10 perse, ma soprattutto con la coscienza dei grandi progressi fatti.

Questa squadra nata dal Progetto Laureus ne incarna lo spirito di integrazione, di crescita persona attraverso lo sport. C’è la gioia delle convocazioni al CTF, la crescita delle piccole di Giovanni e Ciro pronte ad unirsi alle grandi.

La partecipazione appassionata dei genitori che diventano attori protagonisti. Vivi Basket è vita!

Vivi Basket Napoli-Juve Caserta 52-59

Parziali

14-13, 16-12, 8-17, 14-17

Vivi Basket Napoli

Aorta 2, Saggiomo 17, Moretti 12, Scolpini 2, Crescenzi, Postiglione, Prete 2, Sbaragli GL, Sbaragli GM 6, Palumbo 6, Orefice 2, De Luca 3

Coach Di Lorenzo-Ponticiello, Ass. Abete

Juve Caserta

Tassinari 16, D’Aiello 14, Aglione 12, Impriano 5, Romanelli 4, Albano 4, Carangio 4, Macaluso, Petroccione, Cammuso

Coach Petroccione

Si chiude il campionato under 15 eccellenza con una brutta partita con Caserta, vincono i ragazzi di Petroccione, più vivi in campo.

Domenica pomeriggio ci si allena!

Vivi Basket Napoli-Liberty Maddaloni 68-49

Parziali

19-16, 13-20, 12-8, 24-5

Vivi Basket Napoli

Perretti, Sveldezza 4, Agostini 14, Sargiotta 6, Naviglio, Marcelletti 1, Paterniti, Capezza 24 Tolino 2, Cortese 9, De Felice 8

Coach Di Lorenzo, Ass. Abete, Zollo

Liberty Maddaloni

Verazzo A 12, Mormile 12, Arciero F 7, Verdicchio 5, Arciero G 4, Ocarino 4, Schettino 4, Lella 1, Verazzo R, De Matteis, Amoroso

Coach Monda, Ass. Ricciardi

I Blue Pelicans partono contratti nel pensiero del l’infortunio di Ale Mansi, dopo due minuti, sul 7-0, si è scavigliato De Felice. Maddaloni inizia a recuperare. Il primo quarto si chiude sul 19-16.

Nel secondo quarto i ragazzi di Monda riescono ad irretire i Blue e chiudono sul 32-36.

Al rientro dagli spogliatoi Vivi Basket rientra più viva, è con la pressione confonde i ragazzi di Maddaloni e recupera sul 44-44.

L’ultimo quarto vede i ragazzi di Mansi annullare gli avversari, 24-5 il parziale, con difesa e contropiede.

Adesso ci aspetta l’ultima partita con CASERTA e la lunga preparazione per l’interzona

Purtroppo la visita di oggi con il dott. Arienzo ha confermato la rottura del legamento crociato anteriore per Alessandro Mansi. L’incidente è avvenuto venerdì 30 marzo a Muggia, nel corso della partita con il Basket Trieste, Ale per cercare di evitare un’avversario si è procurato la lesione.
Una disdetta per Ale che finalmente quest’anno aveva condotto, da capitano, la squadra a qualificarsi per le finali interregionali. 
Ma siamo convinti che tornerà più forte di prima e riprendere il comando della squadra che dall’anno prossimo riprenderà ad inseguire il sogno delle finali nazionali.
Vi propongo un collage delle foto di Alessandro con Vivi Basket dal 2012.