Archive for  febbraio 2016

Home / febbraio 2016
39 Posts

Derby tra coach: il Salerno del Capo contro Vivi Basket dell’Assistente, vincono i salernitani ma Napoli non sfigura.Partono a razzo i ragazzi di Salerno che impongono la loro superiorità fisica e tecnica sui Blu, reduci da una settimana di febbre e qualche assenza. Bravi i ragazzi di Lamberti a colpire con i lunghi e asfissiare in difesa gli avversari. 21-11 il primo quarto,

Nel secondo i salernitani spingono sull’accelleratore e impongono la loro superiorità, costringendo a molti errori Napoli. Si va al riposo lungo sul 42-18.

Coach Ielasi a rasserena i ragazzi e spinge sulle positività, si rientra in campo con maggiore convinzione, approfittando di un po’ di rilassamento dei ragazzi Scuola Basket, meglio in difesa e più equilibrati in attacco, limitando gli avversari con un parziale vinto 12-10.

Nell’ultima frazione l’equilibrio continua, tutti danno il loro contributo e la partita si chiude sul 62-46 per Salerno.

Scuola Basket Salerno 62

Vivi Basket Napoli. 46

Parziali: 21-11, 21-7, 10-12, 10-16

La Megaride perde a Monte ma disputa una partita, condannata dalla cattiva percentuale di tiro.I ragazzi di Nigriello partono bene e chiudono in parità il primo quarto, 18-18.

Nella seconda frazione, pur giocando con ordine e creandosi tiri aperti sbagliano troppo. Si va al riposo lungo sul 31-20.

Il terzo quarto é molto tirato senza che i blu riescano ad avvicinarsi.

Ne finale i padroni di casa incrementano il vantaggio chiudendo sul più 21. 

Adesso ci si prepara al secondo turno del l’under 18 con Corato di mercoledì 2 al Polifunzionale.

Monte di Procida 59

Megaride Basket 38

Parziali: 18/18, 13/2, 15/12, 13/6

Sabato 13 marzo si terrà a Napoli (Polifunzionale di Soccavo)
il Clinic per Allenatori del Settore Giovanile. Il Clinic, organizzato dal Comitato Nazionale Allenatori in collaborazione con Vivi Baket ed il Comitato Regionale FIP Campania, prevede 6 crediti PAO e sta avendo un grande successo con 150 iscritti a due settimane dall’evento.

Questo il programma del Clinic

9:30
Apertura Clinic a cura di Giovanni Piccin (presidente CNA)

9:45/11:00

Giordano Consolini (Assistente Allenatore Nazionale A Maschile)

Miglioramento del giocatore esterno

11:00/12:15 

Luca Dalmonte (Assistente Allenatore Nazionale A Maschile) 

Miglioramento del giocatore interno

12:15/13:30

Antonio Bocchino (Capo Allenatore Nazionale U16 Maschile e Assistente Allenatore Nazionale A Femminile)

Sistema di gioco formativo per il miglioramento del giocatore esterno ed interno

14:30/15:45

Francesco Cuzzolin (Preparatore Fisico Nazionale A Maschile) 

L’importanza della preparazione fisica nell’uso dei fondamentali difensivi

15:45/17:00

Andrea Capobianco (CT Nazionale Femminile, Responsabile Nazionali Giovanili Maschili e Responsabile Tecnico C.N.A.)

Importanza dei fondamentali nelle strategie difensive

17:00/17:15 Considerazioni finali

17:15 Chiusura Clinic e consegna attestati PAO

Un’ottima prova quella dei ragazzi allenati da Armando De Martino che riscattano ampiamente la sconfitta dell’andata a Casapulla.

Partono forte i ragazzi di Tartaglione ma i blu giocano bene, dopo qualche iniziale errore, iniziano a macinare gioco. Casapulla tiene con il pressing ma trova difficoltà ad attaccare la difesa schierata per l’ottimo lavoro sotto canestro dei lunghi napoletani. Il quarto di chiude sul 12-10.

Nella seconda frazione  Vivi Basket mette un tappo sul canestro, chiude tutte le linee di penetrazione e giganteggia sotto i tabelloni. Buoni contropiedi, ottima circolazione di palla e continui rifornimenti ai lunghi, veramente bene! Si chiude sul 28-10.

Al rientro dagli spogliatoi si continua sulla stessa falsa riga dei primo venti minuti, e solo qualche palla persa permette ai gialli di limitare i danni, 44-21.

L’ultimo quarto vede di nuovo i pellicani giocare di squadra e partire in contropiede con i lunghi a dominare. Sui raddoppi ottimi scarichi che lasciano tiri aperti a tutti. Si chiude sul 66-27.

Un passo avanti, adesso arrivano una serie di partite difficili da affrontare con la stessa determinazione, migliorando ancora nella collaborazione in difesa ed in attacco. E… “Ci vuole il tempo che ci vuole!”

Vivi Basket.  66

Casapulla.     27

Parziali: 12-10, 16-0, 16-11, 22-6

Cesare Covino mi ha mandato questo articolo sui bambini scritto da Lorenzo Sani, giornalista bolognese. Con questo pezzo lascia il giornale, è splendido ció che scrive!

“Quante dimensioni ha l’universo dei bambini, quante sfumature, suoni, parole e colori in quel crescere giocando a canzonare la realtà. Il bambino si alimenta di fantasia, meraviglia, stupore. La scoperta dell’universo quotidiano e relazionale è filtrata dallo schermo spiazzante dell’illusione. E’ molto difficile, per un adulto vedere con gli occhi dei bambini. I geni sì, ci riescono. C’è un maestro, a Ischia, un bravo maestro come Margherita Aurora di Copparo e si chiama Cesare Covino, che con la sua bacchetta magica è riuscito a far giocare per ore le sue classi a “palla invisibile“, quando l’inefficenza e la più tetragona delle burocrazie degli adulti ha lasciato lui e i suoi piccoli allievi fuori dalla palestra. Per noi, piegati dall’oscenità del reale, è quasi impossibile riaprire il lucchetto del piccolo universo in cui siamo cresciuti. Sembra impossibile che di tutta questa ricchezza, crescendo, si faccia un falò. Ce lo rammenta anche la magistrale lezione di Roberto Benigni in La vita e bella, quell’adorabile papà che è riuscito a proteggere nella corazza invisibile della favola il suo bambino dall’orrore del lager nazista. Grida e pianto sono la materia grezza del comunicare di un bambino, sono il marmo grezzo per un bravo scultore. Il genio di Matisse, i suoi colori, quelle sue forme strane per gli adulti, ma così familiari per i bambini: il rincorrersi di fantasia e illusione sono lo scalpello che accende la magia delle relazioni e accompagna i nostri figli nella scoperta del mondo, dove un fiore può essere sì petaloso. Dentro hanno ogni ricchezza i bambini, ogni forma espressiva. Non è da tutti cogliere le infinite sfumature che accompagnano la meraviglia della scoperta. Piuttosto, razionalmente, cerchiamo di dare un perimetro alla loro fantasia: musica e parole si rincorrono nelle filastrocche, nelle formule magiche degli incantesimi, nelle stesse preghiere, colori e calore prendono vita e forme astruse, gesti e pensiero volano sempre più in là, sempre più lontano. Gli occhi di un bambino si posano sulle cose del mondo con la stessa leggerezza del battito d’ali di una farfalla, ma sanno spiazzare gli adulti quando affrontano improvvise profondità, come il gabbiamo che si tuffa nella spuma del mare.” 

[Lorenzo Sani – Resto del Carlino]

Bella partita giocata dalla squadra ottimamente diretta da Clelia Crocetto, un gruppo nuovo composto da bambine e bambini che sta crescendo.

Partono bene i Blu con un parziale di 12-2 che indirizza la partita.

Nel secondo quarto c’è più equilibrio con la Kouros che gioca alla pari chiudendo al riposo 22-11.

Al rientro dagli spogliatoi Vivi Basket gioca con grande intensità e chiude la partita arrivando sul 44-11 al 30′.

La partita si chiude sul 47-21, un passo avanti nella crescita della squadra.

Vivi Basket 47

Kouros Napoli 21

Parziali: 12-2, 10-9, 22-0, 3-10

 Ottimo esordio dei ragazzi di Massimo Zollo che vincono la prima partita della seconda fase con il Nola.

Inizio difficile per qualche assenza per infortunio ma i ragazzi lottano come sempre da leoni in difesa chiudono 8-12 la prima frazione.

Nel secondo quarto gli ospiti continuano a condurre ma i blu non mollano e chiudono sotto sul 19-25.

Al rientro dagli spogliatoi c’è la svolta con una reazione decisa ed un parziale che indirizza la partita, al 30′ si chiude sul 37-31.

Gli ultimi dieci minuti sono una battaglia con un po’ di nervosismo in campo, ma i nostri ragazzi sono bravi a portare a casa il risultato. 47-44 il finale.
CB PIANURA. 47

CAP NOLA.      44

Parziali: 8-12, 11-13, 18-6, 10-13

San Paolo Ostiense vince con merito ma Vivi Basket deve recriminare per troppi errori commessi.

Iniziano fortissimo le due squadre con SanPaolo micidiale con la sua Princeton in backdoor, ma reagiscono bene i blu con il tiro da tre, 4/6 nel primo quarto. Si va avanti anche di cinque punti ma i padroni di casa  rientrano spinti dal napoletano Pierro, chiudendo sul -1, 23-24.

Nel secondo quarto le difese stringono e Napoli fa gran fatica in attacco realizzando solo tre punti non bastano i soli 10 punti lasciati agli avversari si chiude 34-26.

I ragazzi di Lamberti rientrano forte e con il pressing si riportano sul meno uno giocando fortissimo. Lentamente i romani trovano le misure al press e riprendono fiato. Una serie di triple apre peró un gap di 16 punti che diventano 18 per una sfortunata palla persa. 60-42.

Nell’ultimo quarto la partita mantiene lo stesso ritmo con Napoli che non riesce ad avvicinarsi per i troppi errori commessi,  il parziale del quarto si chiude sul 15-13.

I romani giocano un’ottima pallacanestro in attacco e difendono con grande intensità. Quando Vivi Basket gioca con ordine e riesce a pressare c’è partita, quando cala l’attenzione i padroni d casa puniscono con continuità.

San Paolo Ostiense 75

Vivi Basket.               55

Parziali: 23-24, 10-3, 27-15, 15-13

Le soddisfazioni piccole e grandi di questi giorni, la convocazione, seppure come riserva di Alessandro Morgillo in nazionale under 18, sono esempi del perseguire con costanza gli obiettivi del Progetto Vivi Basket,

  • Consolidare il Settore Giovanile ad alto livello.
  • Reclutare giovani atleti per avvicinarli al basket.
  • Permettere ai migliori talenti della Provincia di Napoli e della Campania di crescere al massimo livello senza dover emigrare, come spesso è successo negli ultimi anni.
  • Sviluppare la Formazione Integrata degli istruttori 
  • Sviluppare un network con altre realtà cittadine operanti nello sport e nel sociale.

e del CONSORZIO BASKET, che è nato nel 2010 dalla volontà dei presidenti del CB Pianura, Progetto VIVI BASKET e della Megaride Basket di creare un’associazione per lo sviluppo del Basket sul territorio della provincia di Napoli e della Regione Campania. Negli anni il Consorzio ha coinvolto diverse realtà del territorio con l’obiettivo di migliorare il livello tecnico dei giocatori e dei tecnici delle società coinvolte.

IL NETWORK DI SOCIETA’ COLLEGATE AL CONSORZIO 2015 – 2016

  • PALL. CASALNUOVO
  • SCUOLA BASKET NAPOLI EST
  • CITTADELLA DELLO SPORT TORRE DEL GRECO
  • VOMERO BASKET YOUNG
  • MILLECULURE
  • FONDAZIONE LAUREUS
  • POLISPORTIVA EUROPA

E le vittorie di questi giorni nascono proprio da queste collaborazioni, i ragazzi delle squadre Under 18 Eccellenza e delle due squadre che hanno vinto il Join the Game provinciale, sono un bel mosaico di ragazzi di differenti società che lavorano insieme per ottenere il meglio. 

Antonio Caliendo, Ciro Punzo, la famiglia Cacace, Mena Varriale, Carlo Palmieri, Daria Braga, Mario Del Verme, con ciascuno di loro vogliamo condividere queste piccole soddisfazioni che ci danno la forza per continuare a lavorare. 

Il successo del Progetto Polisportiva Napoli con la Fondazione Laureus, con le sue bimbe che ci rappresentano nei campionati femminili e tutti quelli che riempiono le nostre palestre giornalmente.

La sponsorizzazione tecnica che da quest’anno ci lega alla Givova di Giovanni Acanfora è un altro bel riconoscimento del nostro lavoro e ci fa piacere aver portato al successo i colori della azienda di Scafati, che ha creduto in noi!

La felicità dei ragazzi, il supporto dei genitori è la benzina vitale del nostro Progetto, non è facile ma noi ci crediamo!

img_6894img_6128-6 
 

I Ragazzi di Nigriello cedono alla maggiore esperienza della Virtus Piscinola nel secondo tempo.

Partono forte i blu e prendono le redini della partita chiudendo sul più tre il primo quarto, 24-21.

Nel scondo quarto i ragazzi tengono bene testa ai virtussini, che iniziano a cercare di imporre la loro forza, ma si chiude sul 37-35.

Ma è il terzo quarto a decidere la partita, la contesa si fa più spigolosa, la Virtus aumenta l’intensità e i ragazzi napoletani si innervosiscono, il parziale di 20-11, è la differenza della partita.

Nell’ultimo quarto c’è equilibrio ma qualche errore di tiro e l’esperienza fanno la differenza. Si chiude sul 68-77 e si comincia a pensare alla partita con il San Paolo Ostiense.

Megaride 68

Piscinola. 77

Parziali: 24-21, 13-14, 11-20, 20-22