Fonzy Varriale ci porta con lui negli USA!

Inizia il viaggio di Alfonso, Fonzy, Varriale negli USA dove frequenterà il quarto anno di High School a Spencer ed avrà occasione di giocare a Basket per questa stagione.

“La mia avventura a stelle e strisce ha inizio il 17 luglio, alle 4 di mattina, dall’aeroporto di Roma Fiumicino,da li’ ho preso un aereo che mi ha portato fino a Francoforte,per poi effetuare il volo transoceanico per Chicago e da Chicago arrivare alla mia destinazione finale,o per meglio dire , l’aeroporto piu’ vicino alla mia destinazione. Infatti sono atterrato all’aeroporto di Siaux Falls. Ad attendermi all’aeroporto c’era la mia nuova famiglia americana,i Morris, Roger, il capofamiglia con la moglie Lois ed il figlio Tanner, mio coetaneo. Da Sioux Falls siamo andati a casa, a Spencer, in IOWA. Il mio hostbro (fratello ospitante) e’ un amante della palla a spicchi come me, infatti gioca nella squadra della scuola (di cui e’ capitano), gli Spencer Tigers, il cui colore sociale e’ il viola e la mascotte e’ una tigre (sono passato dal Giaguaro alla tigre ); Ma non gioca solo nella squadra della High School, gioca infatti anche in un “Travel team” una squadra che va a sfidare squadre di altri stati, infatti con la squadra della High School si gioca contro le altre scuole dell’IOWA, con il Travel Team si sfidano squadre di stati “vicini” come il North Dakota,Minnesota o Nebraska. E’ proprio in Nebraska dove il prossimo fine settimana ci sara’ l’ultimo torneo dei Travel Team, perche’ dopo iniziera’ la stagione scolastica, ed a questo torneo probabilmente partecipero’ anch’io. Il nome del Travel Team e’ IOWA ALL ATTACK. Ci sono molte differenze fra gli Stati Uniti e l’Italia, la prima e fondamentale secondo me, e’ una differenza di strutture a disposizione, negli states infatti ogni Scuola (Elementare,media, o superiore) ha COME MINIMO un campo di pallacanestro in parquet sempre a disposizione della squadra, ed anche una sala pesi, ovviamente non si gioca solo a pallacanestro qui, infatti ci sono anche campi di football,di baseball,tennis e calcio, tenuti in perfette condizioni. C’e’ poi un’altra differenza fondamentale, una differenza culturale, qui lo sport e’ visto come mezzo per lo sviluppo ,oltre che fisico, anche cognitivo dell’uomo e non come semplice passatempo,essere bravi in uno sport consente ad un ragazzo americano di entrare piu’ facilmente in un college tramite borse di studio,percio’ i professori incentivano i ragazzi a fare sport e agevolano i ragazzi che tutti i giorni si allenano per la squadra della scuola.Un altra prova del fatto che qui lo sport non e’ visto come un semplice passatempo e’ l’intensita’ degli allenamenti, domani per esempio faro’ allenamento di Velocita’\Forza dalle 6 fino alle 8 di mattina, e di pomeriggio faro’ un allenamento di Tiro\Gioco, ci saranno allenamenti la mattina presto anche durante la settimana scolastica, non tutti i giorni, ma alcuni si. Per una scuola vincere un titolo Statale o comunque partecipare agli “State” e’ motivo di grande vanto, la squadra dell’High school e’ molto seguita anche dal pubblico con una media di 250\300 spettatori a partita che puo’ salire fino a 800 in caso di finali statali. Cerchero’ di sfruttare questo anno negli states per migliorare fisicamente,tecnicamente e come persona, sfruttando oppurtinita’ che purtroppo in Italia non posso cogliere.”
Alfonso Varriale