Grazie Laureus! Adesso il “Canestro sospeso…”

Grazie Laureus! Adesso il “Canestro sospeso…”

14 Ottobre 2019 Off Di dilorenzo

Finisce, dopo 10 anni, la collaborazione con la Fondazione Laureus, Vivi Basket vuole ringraziarvi per questo lungo viaggio fatto insieme che ha permesso a tanti ragazzi napoletani di avvicinarsi allo sport in modo completo. Con uno staff straordinario che li ha educati ed accompagnati in questi anni sui campi di basket e nella vita.

Dal primo incontro con Arnaldo Rossi, era il 2008, abbiamo condiviso la passione per i ragazzi, la ricerca di una palestra per il Progetto, e la nostra Tonia Bonacci, psicoterapeuta e psicologa dello sport, iniziò a collaborare con la Fondazione nel Progetto Palla Storta.
            Il nostro modello ben si sposava con gli intenti di Laureus, siamo nati con l’idea che lo sport è integrazione degli aspetti emotivi, mentali, tecnici e fisici.

La collaborazione con Laureus ci ha fatto conoscere la Cooperativa Orsa Maggiore, con cui continueremo a cooperare nei progetti di integrazione con lo sport, sia in ambito sociale che con i ragazzi disabili.
            Personalmente devo molto alla Fondazione Laureus, mi ha avvicinato ad un mondo che poco conoscevo che mi ha dato nuovi stimoli e probabilmente diventerà il mio futuro.
            Per 10 anni Laureus è stata lo sport per centinaia di ragazzi napoletani, con le organizzazioni sportive e scolastiche reali partner, con la Fondazione abbiamo creato un modello vincente, condividendolo con la città.

Io mi sono sempre chiesto perché tanti che a Napoli avrebbero potuto affiancarsi non l’abbiano fatto, solo Vincenzo Onorato, con Mascalzone Latino, e Giuseppe Castagna, con il Banco di Napoli, hanno collaborato con la Fondazione.

Ricordo persino una Dirigente Scolastica che, dopo tre anni di collaborazione, non volle concedere la Palestra a Cavalleggeri d’Aosta, impedendo a 60 ragazzi di fare l’attività che Laureus offriva..

Il nostro ringraziamento va esteso ad Arnaldo Rossi, Edy Pacchioli ed Enzo Moschetti che in questi anni ci sono stati vicini con i ragazzi, gli educatori e nella formazione.
            Ma ciò che resta è l’esempio che ci porterà a partire di nuovo quest’anno con i ragazzi dell’Orsa Maggiore, ad avere nella squadra Under 18 Elite 5 ragazze che proprio con voi hanno iniziato a giocare a basket e torneremo nella scuola di Cavalleggeri che la nuova Dirigente ci ha concesso.

           Laureus resterà sempre nei cuori di tutti noi con la speranza di poter lavorare in futuro insieme.

E adesso lanceremo il “Canestro sospeso“! L’idea è di Nicoletta Caselin, che, a novembre 2018, in occasione del convegno “In – Dipendenza sport disabilità e tecnologia” ci stupì con il suo progetto di Canestro Sospeso:

“Pratica che ho imparata a Napoli dove si paga un caffè in più al bar, lasciandolo in sospeso per chi non può permetterselo – racconta – il dono anonimo l’ho trasferito al basket, così i bambini meno fortunati possono rimanere in palestra, imparare a giocare e magari diventare campioni”.

Coinvolgeremo persone ed aziende che vogliano sostenere le nostre attività di Mini Basket e Basket Inclusivo con una donazione.

http://www.vivibasket.it/sostienici/