Under 13 Elite – final four: Delfes gioca alla grande, Vivi Basket orgogliosi del nostro quarto posto

DELFES AV           68

VIVI BASKET NA  35
Parziali: 15-12, 17-2, 20-8, 16-13

VIVI BASKET NAPOLI

AGOSTINI 2, MANSI 24, NAVIGLIO 2, CRESCENZI, PERRETTI, SBARAGLI L, TESORONE 2, SBARAGLI GM 5, MINERVINI, LANCIA, MINERVINI. COACH: GAROFALO ASSISTENTE: DI LORENZO

Si conclude con una sconfitta la stagione di Vivi Basket, ma vale come una vittoria se ai considera da dove siamo partiti e dove siamo arrivati.

La Delfes gioca senza esasperare la tattica ed impone la sua superiorità fisica e tecnica, contro i nostri ragazzi arrivati stremati a questo appuntamento, con Ale Mansi menomato dal malore accusato ieri sera. Ma ancor di più da sottolineare la sua voglia di esserci. Tutti i ragazzi vanno apprezzati per il loro impegno ed i loro progressi. A questa età si deve pensare a loro, come persone, valutare ciò che fanno e non ciò che in “mente dei” dovrebbero fare!

Tutti vanno elogiati, 5 ragazzi del 2003, da Davide che forse è il più diligente, ma soprattutto sempre sorridente, al rosso malpelo, delizia e sofferenza, ma tanto migliorato, ai due gemelli, Lollo oggi alla migliore partita nel passaggio e nella dedizione, Gimmy meravigliosamente spontaneo, Gianfranco, impensabile immaginarlo come stasera, ma restiamo con i piedi a terra, grandi margini e ricordiamo Ettore “ci vuole il tempo che ci vuole”, per lui non per la nostra fantasia, non dimanticando Francesco pure lei perfetto nell’impegno.

 I sei 2002: Ale, il trascinatore, miglioratissimo, nel carattere oltre che tecnicamente, Iacopo, bravo, se sarà meno esigente con se stesso e meno brontolone farà un salto avanti immediato, Francesco, tanto impegno, sta crescendo anche lui come gli altri deve accettare che ci vuole tempo, ma bravo nel tentativo di frenarsi, Francesco Paolo, difensore di professione, volontà di ferro, deve volerlo fare, e ci può riuscire, Simone, se tutti avessero la sua dedizione…, ed anche per lui, meno severità con se stesso, ed infine Elio, tanti, troppi infortuni, ci sei mancato, ti aspettiamo.

Un messaggio per i genitori, impariamo a sopportare i figli in campo, aiutiamoli a riconoscere i loro limiti e sosteniamo il lavoro degli allenatori restando genitori. Siete stati meravigliosi per la vostra presenza, collaboriamo nel rispetto del proprio ruolo.

Parlare della partita serve a poco se non per sottolineare che Delfes, senza tattiche si conferma ottima squadra, dominando i nostri ragazzi, unica nota stonata i due arbitri, che non influiscono sul risultato, ma decidono di non fischiare negli ultimi 20′, su questo ci sarà da lavorare. 

I Blu napoletani non si arrendono mai, anche quando stanchezza morale e fisica sopravvengono,  si tuffano, corrono e soprattutto restano sereni, anche quando chiamati  a metà campo gli dicono che per loro non c’è medaglia, perchè “anche alle Olimpiadi sono premiati solo i primi tre…”. Non preoccupatevi ragazzi la vostra medaglia è un quarto posto conquistato con i denti, se poi vogliamo  fantasticare, abbiamo perso di 18 con Caserta, i secondi di 48. Ma è solo una battuta, 

la vera vittoria non è quella di una giornata ma quella che ogni giorno ci conquistiamo in campo allenandoci, con i compagni e contro noi stessi! VIVI BASKET!