Allenare i giovani

Sono 45 giorni che i gruppi Under 15 ed Under 16, con i ragazzi aggregati che giocano la C Silver, si stanno allenando.

5/6 allenamenti alla settimana con mille problemi legati alla disponibilità delle palestre. Abbiamo giocato le prime partite con le normali difficoltà dovute all’inserimento di tanti elementi nuovi ed al cambio di conduzione tecnica.

Stiamo puntando al miglioramento individuale ed all’intensità del lavoro. In difesa si comincia a vedere qualcosa in attacco c’è ancora confusione. Il problema maggiore è l’attenzione in allenamento ed in partita, tanti errori nascono da questo problema. Cerchiamo di dare a ciascuno degli obiettivi individuali legati alla collaborazione con i compagni. Nel l’interscambio tra le squadre cambiano i ruoli e le responsabilità. Quando si è giovani si fa fatica ad avere senso di realtà, la nostra esperienza ci deve aiutare a dare il corretto indirizzo a ciascuno.

Noi allenatori dobbiamo sforzarci di guardare con le tre lenti i ragazzi, mentale, tecnico e fisico, sapendo che chi si allena così tanto non è un “senza voglia” ma dobbiamo motivarlo, i ragazzi devono comprendere che il nostro essere esigenti, è per la loro crescita!

Come sempre “affettuose” interferenze vengono dall’esterno.

Il rispetto del ruolo potrebbe facilitare i ragazzi, i tecnici ed i genitori, ma non sempre si riesce. Ad allenare i gruppi siamo in due, 47 e 64 anni, con tanta esperienza alle spalle, se si provasse a fare il tifo e ad evitare commenti fuori luogo credo che tutti i ragazzi ne trarrebbero grande giovamento!

Una parola per gli arbitri: come si prevedeva tanti problemi nell’interpretazione delle nuove regole, purtroppo vedo un peggioramento nell’atteggiamento, che porta troppo spesso ad errati comportamenti dei ragazzi e dei tecnici. Io ricordo loro sempre Boskov: “è fallo quando arbitra fischia!”

Tristissimo vedere ancora qualcuno che pensa di influenzare gli arbitri con i propri atteggiamenti! Soprattutto con i più giovani sarebbe il caso di correggere gli errori che portano ad un fischio arbitrale, che potrebbe anche essere non corretto, ma nasce sempre da un comportamento errato di un giocatore.

Riprendiamo il lavoro in palestra, con ancora maggiore intensità e soprattutto concentrazione!