Jamme, una giornata insieme

Jamme, una giornata insieme

22 Gennaio 2019 0 Di adm

Oggi ci siamo allenati con Jamme, il gruppo di basket integrato organizzato da Roberto Di Lorenzo e gestito da Cesare Covino, aiutato dalla sottoscritta.

La giornata, a onor del vero, non è stata delle migliori.

Matteo era un po’ stanco. Nonostante questo, ha giocato con Luca (detto Rouge) e Davide, due dei nostri volontari più assidui.

(Inutile dirlo: ci siamo strapazzati di baci.)

Il gruppo di ragazzi che hanno iniziato gli allenamenti da più tempo hanno lavorato con Cesare. Qualcuno era stizzito, qualcun altro scocciato. In fondo, il maltempo condiziona un po’ tutti noi, no? 😉

Io oggi mi sono dovuta soffermare su Andrea, http://www.vivibasket.it/wp-content/uploads/2019/01/img_4195.movun ragazzo arrivato la scorsa settimana al sussurro (perché non posso chiamarlo grido) di ‘manca un pezzo, manca un pezzo’.

La volta scorsa ero convinta di aver ‘fallito’ con lui. Non sono riuscita a integrarlo, non sono riuscita neanche a farmi dire il suo nome. Continuava a ripetere un racconto che c’entrava con limoni, arance, ‘t’ammazzo’ e dei rimproveri che deve aver ricevuto, parlava di una zia.

Con me, pochissima interazione.

Oggi ho scoperto che mi aveva nominato tutta la settimana a sua mamma e che in realtà ha già giocato a basket. È bastato passargli la palla come un qualsiasi altro giocatore, senza delicatezza, e abbiamo palleggiato.

Non è facile stargli dietro né farsi seguire ma abbiamo iniziato a creare un ‘contatto’.

Mi hanno stupito due cose, nell’allenamento di oggi.

– Mentre provavo a lavorare con Andrea a bordo campo, lui cercava di entrare nel gruppo, camminando in campo senza interagire. Federica, una ragazza un po’ più pronta, si è proposta di fare un esercizio insieme. Lui sembrava distratto ma, dopo qualche secondo, le si è avvicinato e le ha preso il braccio. C’è stata poi una distrazione terza e si è staccato, come tornando nel suo loop.

Ho sbagliato, avrei dovuto approfittare di quel momento.

Ora però so che il nostro gruppo è solidale e che devo essere più attenta alle reazioni dei ragazzi più timidi, perché momenti come quello vanno assolutamente sfruttati per creare integrazione.

– In una situazione simile Maurizio, il nostro atleta più caciarone, è passato correndo e ha dato il cinque ad Andrea.

http://www.vivibasket.it/wp-content/uploads/2019/01/img_4190.mov

La reazione mi ha sconvolto: Andrea ha cambiato totalmente espressione, sembrava arcigno, sembrava dover capire. Gli ho detto: “È una cosa bella, vuol dire che siete amici”. Ho temuto potesse ‘scattare’ contro il compagno invece… Andrea, apparentemente distratto, con gli occhi ha seguito per dieci secondi i movimenti in campo di Maurizio, quasi a dover ‘realizzare’ cosa fosse successo. E quando dopo Maurizio l’ha abbracciato e gli ha dato un bacio non è stato scostante: l’ha lasciato fare.

La realtà OverLimits è un mondo fatto di interazione e complicità come e più di quello cosiddetto ‘normale’, basta capirne le dinamiche.

È un universo immenso di emozioni, di simpatia, di EMPATIA. Di allenamenti, di risate, di canestri e di piccoli passi avanti.

È un mondo che non si può spiegare. Dovete viverlo.

Io ero una pippa a giocare a basket e ora so che, se il Destino mi ha avvicinato da ragazza a questo sport, era per portarmi qui, dai miei OverLimits.

Non bisogna essere campioni: bisogna non avere riserve mentali, essere severi ma un po’ pazzi, avere molta, mooolta pazienza ma anche voglia di divertirsi e stare insieme.

Se avete voglia di venirci a conoscere, di darci una mano… Veniteci a trovare.

Se amate il basket, se non l’avete mai praticato ma volete comunque mettervi in gioco… Veniteci a trovare.

Se poi avete addirittura delle competenze… in psicologia, scienze dell’educazione, scienze motorie… non potete non venire a darci una mano.

Più siamo, più ci divertiamo e più possiamo veramente essere utili ai nostri amici OverLimits.

Se conoscete ragazzi speciali… mandateli da noi. Il progetto è TOTALMENTE GRATUITO, dovete solo accompagnarli al palazzetto. 🙂

JAMME, ja!

Maria Francesca Di Costanzo

#vivibasketnapoli #overlimitsitalia #overlimitsnapoli

#oso #fondazionevodafoneitalia #fondazioneconilsud #tuttiascuolaonlus #orsamaggiore #jamme #yukionlus #basket